sabato 18 novembre 2017

Il vuoto della tua assenza

Sento forte il senso di vuoto della tua assenza, avverto la tua paura di me come spettri infernali, sento forte il ruggito che mi sussurra di lasciare perdere, il cinico senso della razionale logica che m'invita a desistere dal resistere!


No, mai potrei rinunciare all'emozione di illudermi che forse un giorno potrò sperare in un tuo chissà...

Mai potrei desistere dal cercare di fare, compiere quell'impresa di tornare ad essere ciò di cui t'innamorasti, perfino migliore:
perché un angelo merita di più, ed anche oltre il di più che supera il meglio dell'eccellenza! 




Sei ciò che più mi suscita tenerezza, commozione per i miei sensi, vibrazione ed eccitazione che si manifesta in pensieri come fossero delicate carezze che sfiorano appena la tua delicata pelle:
sei un fiore tra i più belli che il creato potesse concepire!

Armonia ed accordi che solo un maestro poteva comporre, sei il completamento della mia eccitazione, orgasmo infinito, la più sublime stella che il cielo, l'universo abbia mai potuto avere l'onore di ospitare.
Sei colei che riesce a farmi sentire ciò che ho sempre sognato e mai realizzato, il compimento di ogni mio gesto che altrimenti nulla sarebbe che un soffio che si perde nel nulla eterno! 
Ti amo cosi come sei, mio eterno respiro, ti amo perché sei linfa vitale per me, ti amo perché sei il battito che mi tiene in vita:
ti amo perché sei...TU! 

sabato 28 ottobre 2017

Vuota senza alcuna utilità

Vuota, senza alcuna utilità, occhi freddi e senza luce come fossero biglie da lanciare e nella buca fare arrivare.


Inutile essere, demenziale esistenza la tua, vuota come un otre che invece di cervogia da bere al banchetto dell'amore, aria soltanto senza consistenza si ritrova.



Ghiaccio perenne in cerca di calore che fredda ogni cosa tocchi, destinata al fallimento qualsiasi anima guardi.

Cambi cuore appena ti stanchi, cambi piacere appena finisci!

Scegli con cura quale anima spezzare, ti assicuri poi che non ci sia più vita da succhiare, crudele essere nata negli inferi e cullato da un demone antico, la cui esistenza vive solo uccidendo la vita.

Hai straziato ogni speranza, hai violentato ogni bellezza, hai strappato con crudele ferocia il cuore di chi per te amò e mai nessun dio ti potrà perdonare...

perchè uccidere un amore vuol dire uccidere la speranza, e dare spazio alla disperazione!

Inferno senza fine

Perchè...perchè tanta crudele morte, perchè sentenza ingiusta m'è stata inflitta? 


Perchè di morte violenta devo morire, di finire come natura vuole non m'è stato dato?



Pagato ho il mio debito, oltre ogni sbaglio, aldilà di ogni errore, contro ogni umana crudeltà s'è agito, s'è deciso.

Giudici ingiusti, demoni chiamati a corte, appelli inascoltati, preghiere finite nel nulla, udienza all'inferno, perchè tu abiti, risiedi, posseduta sei da quel rosso che veleno infonde!

Anima stuprata la mia, ferocia mai vista da che l'amore fu, derubato della mia esistenza, privo di un passato, senza un presente e con un futuro macchiato, sfregiato, prima che sia.

Anima malvagia la tua, mai sazia, mai soddisfatta del sangue che versai, dell'amore che donai...

Azione criminale la tua, messa in atto con diavoleria, chiamando al tuo servigio sicari tra i più spietati che il tuo principe ha pagato, per carpire l'innocenza di un cuore che di crescere e difendersi mai ne volle sapere.

Con astuzia mi attirasti nella tua trappola, offrendomi l'illusione di un aquilone per volare, per solcare i cieli blu, per entrare nelle soffici nuvole e vivere con te il mio sogno che facesti credere anche tuo. 

Madre...madre mia urlai, con candida fierezza io rischierò, tutto me stesso urlai, io la salverò dalle malevoli braccia del demonio che di lei s'impossessò, e come un prode cavaliere nel mio regno la condurrò!

Mai ci fu una fine ne un inizio ad un amore, perchè non si sceglie di amare, non si decide di smettere una forza che spinge l'universo...il tempo, l'essenza di ogni cosa.

Violata fu la mia anima da un demone che in cambio di un paio d'ali, l'anima mi rubò per farne oggetto dei suoi putridi desideri...sporcandomi il candore che tu mi desti e lasciandomi nel nulla eterno.

Senza un passato, senza un presente e senza un futuro, nessuna memoria s'avrà di me, nessuna traccia nel mio trascorso in questa vita si avrà...

Ma tu che ti vendesti a una simile nefandezza, tu che scegliesti il male per te stessa rifiutando un'amore prezioso, mai pace avrai e con me all'inferno andrai!

lunedì 23 ottobre 2017

Vivere d'attesa aspettando

Vivere d'attesa coprendosi di petali invece che di spine, affogare il respiro, aspettando che presto o tardi di farà pur volare.


Volare sulle ali come quelle dell'aquila in cerca di cibo per i suoi piccini, come di chi corre incauto verso il proprio sogno.


Cerchi silente di capire, comprendere ogni minimo dettaglio, segno o cenno che sia per decidere quale sia la tua via! 

Acquisisci l'intelletto, baratti la tua razionalità, svendi la tua logica troppo fredda per scaldare le tue membra, cerchi calore, aneli magia e che importa se il vento, non appena arriva, se la porta via.

Senti dolore per ciò che un tempo fu, piangi accorato per quella occasione più unica che rara, ti disperi e supplichi i cieli, invochi qualsiasi dio purché torni quel sogno perduto. 

Ricordi l'attimo fatale, rammenti l'inciampo che fece vacillare il tuo piede, imprechi contro quella pietra che maledetta fu, ti scagli contro quella pioggia che tardò ad arrivare...ma speri ancora che quel sogno possa da te tornare.

Spalanchi i tuoi occhi per troppo tempo chiusi da retaggio crudele, segui il soffio di un vento che pare accarezzarti, che sembra sussurrarti speranza...

intanto l'attesa cresce e ti stringi forte a quel non volere sapere qualcosa di importante.

mercoledì 11 ottobre 2017

Sensazioni illusorie

Quando credi di potere...immagini di sentire...pensi di riuscire...poi ti svegli e trovi il nulla accanto a te.


Senti vuoto, avverti il freddo che gela le tue vene una volta percorse da caldo sentimento, come lingue di lava al cui passo nemmeno la dura e forte roccia resiste.



Avverti la mancanza, senti i brividi dell'assenza, soffri il vuoto dove prima scorreva rigoglioso un fiume dalle mille foci, dove bevendo ogni arsura spariva come per incanto.

Senti venire meno ogni speranza, anticipi la fine e speri fino in fondo che sia tutto un sogno da cui presto ti sveglierai senza capire se dormivi oppure presto, molto presto andare dovrai.


sabato 30 settembre 2017

Suoni nel silenzio

Suoni nel silenzio affollano la mia testa che ansimano senza mai provare piacere o paura.


Inossidabili si schierano come un esercito pronto alla battaglia, animati da una passione che non c'è, da una radiosità forse mai avuta, ormai perduta come smarrita in un tunnel la cui via d'uscita mai fu costruita.



Silenzi che urlano nella mia testa, brividi di gelo che passano come lame nella schiena in cerca di quel punto vitale dove affondare la loro punta.

Nudo, vulnerabile e senza ormai nessuna speranza ne velleità, attendo cosi come chiuso in una fredda cella dalle mura umide, che arrivi quel giorno in cui la sua sentenza ascolterò e con nobile dignità subirò.

venerdì 29 settembre 2017

Maledetta notte che ti avvicini

Inizio a sentire una forte angoscia...maledetta notte che ti avvicini sussurrandomi sogni impossibili ormai.


Illusioni e false aspettative...sii più clemente verso quest'alma smarrita, verso questo cuore affranto dal dolore come di chi ha perduto il suo tutto!




Stammi vicino tu che puoi, tu che vuoi, fammi sentire un poco di calore che di tepore le mie membra non ne hanno più.

Scaldami ti prego, ch'io rammenti l'ebbrezza di chi sa d'essere amato, di chi vive per amore come fosse l'unico motivo per cui vale la pena continuare a vivere.

giovedì 25 maggio 2017

Franca, l'altra metà di Ninì

Cara Franca, per me non è possibile scindere il tuo nome da quello di Ninì, come non era possibile il contrario. Ho atteso che passasse un po' di tempo dalla "partenza" di Ninì prima di rivolgermi a te. So che il grande dolore ti impedisce di comunicare e ti toglie tutto l'entusiasmo di raccontare. Non voglio disturbare il tuo dolore ed è per questo che ti scrivo qui, leggerai quando ti sentirai pronta.

Cara Franca, mi dispiace non aver incontrato te e Ninì quel giorno a Rimini, mi dispiace tantissimo, se tu me ne avessi dato la possibilità ti avrei incontrata quel giugno a S.Alessio e ti avrei spiegato il perchè, e mi avresti capito. Mi avresti compreso perchè tu sei una persona intelligente e Ninì sapeva di avere una donna splendida accanto a sè che amava tanto tantissimo da seguirla in ogni sua volontà.

Ricordo come ieri, mentre ero intenta ad armeggiare con il PC mi suonò il campanello di casa. Stupita da quel suono estraneo, visto che mi trovavo in vacanza in una casa in affitto, e incuriosita da chi mai mi stesse cercando, mi affacciai alla porta e ti vidi con un piatto in mano: " Signora le ho portato una fetta di torta di mele che ha fatto Ninì, senta com'è buona!" Stupita da tanta gentilezza e simpatia, incuriosita volli conoscere di più di quei due signori dei quali sentivo spesso urlarne i nomi dalla mia vicina di casa signora Chiara: " Franca....Ninì...!" Così conobbi due splendide persone, che ci hanno arricchito con la loro amicizia e la loro compagnia.

Ne abbiamo fatto, da quel giorno, scambi culinari e non mancava giorno che non ci fosse sulla nostra tavola una pietanza cucinata dalla  signora Franca, con la complicità di Ninì, o dalla signora Chiara.

Mio marito ed io abbiamo ricordi bellissimi di quella vacanza passata con la signora Franca, Ninì, la signora Chiara e Armando come vicini di casa, persone così care che portiamo nel cuore come amici speciali.
Franca, Ninì, Katia, Chiara

Franca e Ninì
Franca e Ninì
Cara Franca, sono sicura che Ninì è lì, vicino a te che ti tiene una mano sulla spalla mentre tu ti disperi per la sua mancanza. Ninì non ti lascerà mai, ascoltalo, fai attenzione e sentirai il suo odore e la sua voce e vedrai un fugace guizzo azzurro che passa davanti a te. Parlagli lui ti ascolterà.
Ti abbraccio fortissimo

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 3.0 Unported License.